I benefici del magnesio

I benefici del magnesio sono tantissimi, dalla regolazione del metabolismo all’azione rilassante ed energizzante, dall’azione digestiva all’azione risolutiva di problemi muscolari, dalla gravidanza all’ansia. E non solo: rappresenta un aiuto contro i dolori mestruali: assumendolo nel periodo che precede il ciclo aiuta ad attenuare i dolori e gli sbalzi d’umore legati alla sindrome mestruale. È utile anche in menopausa: serve a regolare le vampate di calore, i disturbi ansiosi e depressivi. Aiuta a combattere la ritenzione idrica, purifica la pelle.

Questo re dei minerali aiuta a fissare il calcio nelle ossa, agevola dunque prevenendo l’osteoporosi. In più difende e rafforza le ossa. È un campione contro lo stress: agisce infatti sul sistema nervoso, protegge dal mal di testa, dalle palpitazioni, dalla tensione muscolare e anche dall’acidità di stomaco. Il magnesio è spesso utilizzato nelle terapie contro l’ansia e la depressione. Può anche essere utilizzato in momenti delicati come, ad esempio, quello della depressione post-parto. È importante anche in gravidanza, in quanto aiuta a rilassare la zona uterina, così facendo si evitano parti prematuri. È molto utile contro i crampi, contro le contratture o contro la stanchezza muscolare, tanto da essere utilizzato dagli sportivi prima dell’allenamento.

I sintomi della carenza di magnesio sono differenti e variano: dalla stanchezza immotivata, ai dolori muscolari, dall’irritabilità al gonfiore e all’ansia. La sua assimilazione è variabile a seconda dell’età e del sesso. Solo il 30 o il 40 per cento di quello che prendiamo viene assorbito dall’organismo. È sempre opportuno chiedere consiglio al proprio medico sulle quantità e sulla sua assunzione. Ciò per evitare eccessi che portano ad effetti collaterali.

Il magnesio è un toccasana perché aiuta a ridurre il rischio di tumore al pancreas, protegge l’apparato cardiovascolare, aiuta contro i rischi di incorrere in un ictus. Si può assimilare attraverso alcuni alimenti, quali: semi di zucca, cioccolato fondente, carciofi, spinaci, cereali integrali (mais), nei legumi, frutta fresca e frutta secca, in particolare nei pistacchi. In più, da non dimenticare di scegliere di abbondare con le verdure, almeno tre porzioni al giorno, privilegiare gli ortaggi a foglia, tra questi gli spinaci. Per comprendere se l’organismo ha una carenza di magnesio è necessario accorgersi di alcuni segnali: i risvegli notturni frequenti, ad esempio, le aritmie, il senso di fiacchezza. In altre parole, sì al re dei minerali, ma la regola è quella di non esagerare nella sua assunzione.

Loading...

Commenti