Abbronzarsi in salute

Ci sono diverse regole da rispettare per riuscire a prendere la tintarella rimanendo in salute, senza danneggiarla e soprattutto senza sviluppare in futuro problemi per la pelle. La prima regola da osservare riguarda le ore da trascorrere sotto il sole: esporsi per troppe ore ai raggi solari fa ispessire la cute, la invecchia e la danneggia e non solo: è il primo fattore di rischio per il melanoma, uno dei più pericolosi tumori della pelle. L’ideale è quello di esporsi al sole gradualmente, ciò permette alla pelle di sviluppare le difese.

Questo è importante non solo per gli adulti, ma in particolare per proteggere la pelle dei bambini, ricordandosi di non esporre i bimbi che hanno meno di un anno. Un altro consiglio per godere dei benefici del sole senza danneggiarsi, è quello di andare in spiaggia e di stare all’ombra con la protezione sulla pelle, che deve essere almeno 30, soprattutto nelle ore più calde: dalle 11 alle 15. Proteggere la pelle non basta, è necessario preoccuparsi anche della salute degli occhi, per evitare conseguenze alla retina. Ciò vale sia per gli adulti sia per i bambini.

Altro consiglio: proteggere la cute con un cappello, in particolare, se si è pelati, usare la protezione anche in testa. Proteggersi significa utilizzare la crema più volte nel corso dell’esposizione al sole. C’è da considerare anche che la maggior parte delle creme protettive diventano efficaci solo dopo una ventina di minuti, quindi bisogna tenerne conto. Applicare la crema in dosi adeguate è fondamentale. Da proteggere ci sono alcune parti del corpo che spesso vengono trascurate, quali orecchie, naso, petto, spalle e cuoio capelluto.

Da evitare le lampade abbronzanti, che erroneamente si pensa possono preparare la pelle. Il loro effetto è solo estetico. Sono pericolose, infatti sono vietate ai minori. Se quindi il problema riguarda l’estetica, si possono usare al posto delle lampade solari, le creme autoabbronzanti. Insomma, ricapitolando: la regola numero uno per abbronzarsi in salute è proteggersi dai raggi solari evitando le esposizioni eccessive, proteggersi con un’alta protezione, tra le 11 e le 15 in particolare, stare al mare sotto l’ombrellone ed evitare le lampade solari.

Loading...

Commenti