Smettere di fumare, quanto è difficile?

Quanto è difficile smettere di fumare? Se lo chiedono le tante persone che, da anni con il vizio della sigaretta, vorrebbero comunque cercare di liberarsene. La dottoressa Daria Scienza, farmacista esperta in omeopatia, dice che già di per sé la ferma decisione di voler dire addio al fumo è un importantissimo punto di partenza. Certamente smettere di fumare non è la cosa più semplice del mondo!

Soprattutto quando i ritmi imposti dalla società fanno sì che sempre più persone soffrano di lievi o intensi episodi di stress che spesso portano ad adottare cattive abitudini. I vizi che assumiamo, tra i quali anche il fumo, ci danno l’impressione di placare i disordini emotivi, anche se non sempre è così. In questo senso il fumo è ancora uno dei “vizi” più diffusi al mondo, nonostante negli ultimi dieci anni il trattato mondiale antitabacco abbia permesso di ridurre del 2,5%, il tasso di tabagismo (fonte dati: OMS). Tutti i fumatori ormai sono a conoscenza dei rischi che il fumo comporta, ma è complicato riuscire a rinunciare a un’abitudine consolidata. Per questa e per altre cattive abitudini dettate dallo stress una terapia omeopatica può essere un buon aiuto durante il percorso di disassuefazione.

L’omeopatia insomma potrebbe rivelarsi utile per combattere quelli che sono gli effetti collaterali dello smettere di fumare: fame nervosa per esempio, irascibilità ma anche aumento di peso. Quante volte sentite dire dalle persone che hanno detto addio alla sigaretta che inevitabilmente il peso corporeo tende ad aumentare? Aggiunge la dottoressa Scienza:

Chi è intenzionato a smettere di fumare ha già mosso il primo passo nella direzione giusta per porre fine a questo vizio. Il percorso non è facile, ma tutti possono riuscire a portarlo a termine con la forza di volontà e con qualche aiuto terapeutico che sicuramente può facilitare il cammino: io, solitamente, consiglio i medicinali omeopatici per questo scopo”. I medicinali omeopatici possono, infatti, essere utilizzati da tutti, in tutte le fasce d’età e generalmente non comportano effetti secondari. Possono, inoltre, essere assunti insieme ai cerotti alla nicotina, spesso consigliati nei processi di disassuefazione dal fumo, senza generare interazioni

Loading...

Commenti