Scrivere a mano aiuta contro l’ansia e regala ottimismo

Scrivere a mano riduce l’ansia e rende più ottimisti e positivi. Agisce proprio come la meditazione, variando l’attività elettrica del cervello. Succede che le onde cerebrali aumentino in ampiezza e scendano in modo graduale da una frequenza di dodici cicli ogni secondo sino a otto, quindi ad uno stato di calma. La scrittura stimola in particolare l’amigdala, l’rea dove hanno vita autostima e gioia di vivere. Serve anche in fase di dieta e a migliorare la postura.

Corsivo o stampatello, i gesti ritmici a cui ci si sottopone per scrivere costringe la mente ad alleggerirsi dal peso dei pensieri ansiosi, causa spesso di inquietudine e negatività. Secondo uno studio realizzato nell’Università dell’Indiana, gli esercizi di bella grafia agiscono attivando la corteccia cerebrale prefrontale, che serve appunto ad organizzare le emozioni e che orienta alla soluzione dei problemi. Gli esercizi servono anche a fare crescere l’autocompiacimento, darsi insomma grazie ad un dialogo interno positivo una quota di endorfine. Aumenta, in altre parole, l’autostima e l’entusiasmo. Basta scrivere in un luogo silenzioso, appartato, in un angolo separato della casa, come suggeriscono gli esperti.

In più, la scrittura manuale richiede dei movimenti precisi, ciò allena l’attenzione, la concentrazione, la capacità di muoversi lentamente attraverso la programmazione di gesti. Questo conferisce alla persona la capacità di puntare in modo determinato ad un obiettivo. È il caso, ad esempio, del dimagrimento: chi attraverso una bella grafia riesce a esprimere il proprio rapporto con il cibo, ha l’opportunità di trovare la calma per raggiungere l’obiettivo, cioè dimagrire. Un ottimo suggerimento consiste nel copiare, nei momenti in cui si è più nervosi e irritabili, lentamente le lettere dell’alfabeto per quattro volte, con un tratto scorrevole. Questo esercizio calligrafico aiuta a ristabilire la calma.

La scrittura, in altre parole, come è stato dimostrato scientificamente in diversi studi psicologici, tra i quali anche uno dell’Università di Chicago, aiuta a combattere lo stress, non solo l’ansia, ma anche i disturbi di origine depressiva. Ciò va fatto con costanza, scrivendo ad esempio, un diario dove annotare i fatti che succedono nel corso della giornata, costituisce un ottimo antidoto antistress. Il test è stato effettuato su un campione di venti volontari che sono stati invitati a scrivere a mano ed è emerso che questo esercizio libera dai pensieri negativi e dall’ansia.

Loading...

Commenti