Settimana mondiale dei vaccini, dal 24 al 30 aprile 2017

Dal 24 aprile al 30 si celebra la Settimana Mondiale dei Vaccini per sensibilizzare tutti sulla importanza di sottoporre i piccoli a regolare vaccinazione per salvaguardare il loro stato di salute. E’ un momento particolare in Italia dove acceso è il dibattito sui vaccini. Ci sono alcuni medici che consigliano vivamente i genitori di far vaccinare i loro piccoli, altri che puntano invece il dito contro i possibili effetti collaterali degli stessi. Insomma gli animi sono sempre particolarmente caldi quando si parla di vaccinazioni.

La SIN (Società Italiana di Neonatologia) a riprende l’appello lanciato dalla OMS (sull’aumento del rischio di epidemie di morbillo in Italia) per affermare che i vaccini sono di fondamentale importanza per i piccoli. Mauro Stronati, presidente della SIN, afferma:

Non si può e non si deve mettere in discussione l’importanza e la necessità delle vaccinazioni per il bene del singolo e della comunità. Se un numero consistente di genitori opterà per non vaccinare il proprio bambino verrà meno l’effetto gregge, cioè la protezione derivante dalle vaccinazioni collettive, che finora ha rappresentato una garanzia, in particolare per quei bambini che non hanno potuto ricevere le vaccinazioni perché immunodepressi o affetti da gravi patologie croniche. Siamo a conoscenza di lattanti che hanno contratto la meningite da Haemophilus influenzae di tipo b (Hib), malattia prevenibile con la vaccinazione, e che ora portano con sé le sequele neurologiche incluso un ritardo mentale, come effetto della scelta dei loro genitori; o di adolescenti non vaccinati che hanno contratto la poliomielite e vivono ora le conseguenze della paralisi neurologica

Come riporta il sito del Ministero della Salute, nel solo mese di gennaio è stato registrato un preoccupante aumento del numero di casi di morbillo in Italia. A fronte degli 844 casi di morbillo segnalati nel 2016, dall’inizio dell’anno sono già stati registrati più di 700 casi, con un incremento rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, in cui si erano verificati 220 casi, di oltre il 230%.

Photo | Pixabay

Loading...

Commenti