Malanni d’inverno e tisane: timo, zenzero e salvia a portata di …raffreddore!

Malanni d’Inverno e tisane: timo, zenzero e salvia a portata di …raffreddore!

Temperature che scendono, primi fiocchi di neve e primi freddi su tutta la penisola annunciano l’arrivo dell’Inverno e con lui quello dei malanni tipici di stagione come il raffreddore accompagnato da qualche linea di febbre. Malesseri comuni in questo periodo che spesso non richiedono neanche l’intervento del medico o di medicinali appositi ma che vengono affrontati e superati con alcuni giorni di riposo e qualche rimedio omeopatico. A tal proposito è uso comune preparare tisane e infusi composti con erbe adatte, finalizzate a limitare i sintomi e le conseguenze dei banali malanni invernali. Mal di gola, influenza e raffreddore possono essere curati, ovviamente nei casi d’ordinaria amministrazione, con tisane a base di zenzero, salvia e timo. Quest’ultime sono le piante più efficaci e frequenti somministrate a chi  vuole accelerare la guarigione o addirittura prevenirne la comparsa.

Malanni e tisane curative: tè al timo, allo zenzero e alla salvia

Il tè allo zenzero è un vero toccasana, bollito con l’aggiunta di  pepe di cayenna e miele grezzo si beve caldo prima d’andare a dormire, induce alla sudorazione e di conseguenza provoca l’abbassamento della temperatura. Il tè alla salvia invece favorisce il relax, si consiglia di berlo durante la giornata. Infine per preparare il tè al timo occorrono appena 3 cucchiaini della pianta sciolti nell’acqua bollente, anche questa tisana come quella allo zenzero va bevuta la sera prima di coricarsi. Tre tisane comuni in grado di tenere sotto controllo i malanni di stagione, tre tisane che molto spesso vengono prese anche a prescindere dalla presenza della patologia e che sono una sana abitudine per ogni individuo che vuole evitare o comunque ridurre la possibilità d’ammalarsi. Ovviamente non bisogna mai dimenticare che le piante sopra citate appartengono alla cultura omeopatica che nei casi più gravi può poco per sedare o guarire una patologia, perciò ricordiamo che la necessità di consultare un medico va valutata tenendo conto del caso singolo.

 

Loading...

Commenti