I benefici dei fichi

I fichi sono dei frutti deliziosi, tipici del mese di settembre, dai molteplici benefici, sia consumati freschi sia secchi, nelle ricette dolci o in quelle salate. Si pensa erroneamente che sia un frutto molto calorico, ma in realtà presenta le stesse calorie di un mandarino o di un grappolo d’uva, se consumato fresco. È opportuno consumarlo con moderazione, invece, perché più calorico, nella versione secca, ma dà un grande apporto energetico.

La polpa, e anche la buccia, apporta molte sostanze nutritive, soprattutto è ricca di minerali: potassio, ferro, calcio. E non solo: contiene vitamine A e quelle del gruppo B. E’ anche un ottimo antiossidante, possiede proprietà energizzanti e remineralizzanti. Aiuta anche la pelle a rimanere giovane, contrasta i radicali liberi. E ancora: è ottimo per le ossa, soprattutto durante la crescita. Si può fare uno spuntino con i fichi prima di allenarsi in palestra, perché non appesantisce e dona una forte carica energetica.

È un ottimo coadiuvante: fa infatti sgonfiare la pancia, inoltre stimola l’intestino. I fichi aiutano nella prevenzione di infezioni alle vie urinarie, ideale contro la gastrite e i bruciori di stomaco. Si può utilizzare anche per fare degli impacchi contro i gonfiori e gli ascessi. Aiuta la pelle contro brufoli e foruncoli. Usato, in passato, anche come rimedio contro le verruche.

Non solo come alimenti, ma dai fichi si ricavano pure cosmetici casalinghi per curare la pelle con scrub e maschere. Questo proprio grazie alle sue proprietà. Come detto in precedenza è un frutto ricco di vitamine e minerali che sono contenuti nella polpa e se applicati sulla cute danno ottimi risultati. Per questo è ideale come maschera di bellezza.

Si può anche usare come scrub per collo e dorso delle mani, aggiungendo al frutto un cucchiaino di zucchero per conferire maggiore potere esfoliante. In più, centinaia di anni fa, il suo lattice, quello che viene prodotto dalla buccia quando lo si stacca dall’albero, era utilizzato per contrastare le verruche e i calli. E ancora: sbollentato e avvolto in una garza può essere utilizzato per fare gli impacchi: utili, in questo caso, contro gli ascessi, i gonfiori e le infiammazioni. Mentre il decotto è un toccasana contro tosse e dolori alla gola.

Loading...

Commenti