Come evitare gli sprechi

In Italia lo spreco alimentare domestico è pari a 145 kg annui a famiglia, dovuto in parte alla cattiva conservazione , problema che si può contrastare con semplicità.
Ridurre gli sprechi a casa è un buon proposito che spesso non si riesce a mantenere.
Sistemare gli alimenti nel frigorifero in modo corretto è il primo passo per evitare di gettare nella spazzatura parte della spesa settimanale.

Gli alimenti cotti devono essere posti in contenitori puliti e forniti di coperchio o avvolti con pellicola per evitare che perdano umidità a contatto con l’aria.
L’involucro non deve toccare le pareti del frigorifero perché potrebbe gelare e trasferire troppo freddo al cibo.

Carene e pesce vanno nella parte più fredda del frigorifero, mentre la parte centrale è adatta per le uova, i latticini, dolci a base di creme. Nei cassetti della parte bassa si conserva frutta e verdura, da consumare rapidamente. Le mensole all’interno della porta sono le parti più calde del frigorifero, da riservare a prodotti che necessitano solamente di una leggera refrigerazione, come ad esempio le bibite ed il burro.
Sarebbe meglio non eccedere con le scorte di cibo, per non sovraccaricare il frigorifero.
L’aria fredda al suo interno deve circolare intorno ai cibi e, se non c’è sufficiente spazio tra i prodotti, la corretta distribuzione della temperatura verrà ostacolata, con il rischio di una cattiva conservazione degli alimenti.

Per evitare sprechi, bisogna imparare a riciclare gli avanzi.
La frutta molto matura per esempio, in genere non è molto gradita, ma può essere riciclata aggiungendola a dello yogurt oppure ai frappè. Verdura non freschissima può contribuire ad arricchire i minestroni. Se sono rimasti vari pezzi di formaggi molli si può ottenere una crema da utilizzare per condire la pasta, per inzuppare dei crostini o, semplicemente, per spalmarla sul pane. Il burro scaduto ha una seconda chance per togliere i cattivi odori dalle mani: basta spalmarne una piccola quantità e procedere al lavaggio tradizionale con acqua tiepida.

Loading...

Commenti

CONDIVIDI
Articolo precedenteDisturbi dell’apprendimento: i DSA non sono malati mentali
Articolo successivoOli essenziali per le vie respiratorie: timo, zenzero e limone i più ricercati
Mi chiamo Bottarelli Daniela Odea e sono nata a Brescia nel 1987. Nel 2010 ho conseguito la laurea come Educatrice Professionale Sanitaria ed ho lavorato a stretto contatto con diverse realtà sociali (comunità per minori, centri per disabilità medio-gravi, tossicodipendenza, educativa di strada, comunità per malati di Hiv, ecc..). Fin dall'adolescenza ho coltivato la passione per la lettura e soprattutto per la scrittura, e per questo motivo, nel 2012 ho frequentato un corso per Redattore Editoriale che mi ha permesso di lavorare come collaboratrice esterna di diverse riviste di attualità e cultura, nonché come articolista per diverse riviste on line. Mi sono ammalata di cancro nel 2013 e da tre anni sto combattendo questa dura battaglia per la mia vita. Questa malattia mi ha tolto tanto, ma non la mia voglia di lottare, di crescere, di amare e di donare un po' di me al mondo. Ho deciso di condividere un po' di me attraverso le mie opere, partecipando a diversi concorsi letterari. La mia poesia “Voglio essere adesso”, si è classificata al quarto posto al Concorso “Il giro d'Italia delle poesie in cornice”, indetto dalla Casa Editrice Montedit e dall'Associazione Culturale Il Club degli autori. Un'altra mia poesia, “Io ce la farò”, si è anch'essa classificata finalista al Concorso “Marguerite Yourcenar 2016”. Ho scritto diversi romanzi, tra cui uno psico-thriller intitolato “Metamorfosi omicide”, che si è classificato finalista al Premio Letterario Internazionale Gaetano Cingari ( XI Edizione ). Nel mese di ottobre 2016 ho pubblicato la mia prima raccolta di poesie intitolata “Ho riscoperto il profumo della mia pelle” con Aletti Editore, collana Gli Emersi : in essa ho raccolto tutte le emozioni che questo percorso di riscoperta di me tramite la malattia, le mie speranze per il futuro ed il mio amore per questa mia vita, meravigliosa ed imprevedibile vita. Presentata come silloge di poesie presso il concorso Ebook in versi 2016, indetto dal Club degli Autori, “Ho riscoperto il profumo della mia pelle”, ha ricevuto un riconoscimento di merito da parte della giuria. A Natale uscirà il primo mio romanzo giallo dal titolo “Metamorfosi omicide”il primo di una serie di romanzi sul filone dello psico thriller.